Recensione: Il silenzio di Lenth di Luca Centi

lenth_coverRecensione il più possibile senza spoiler, perchè il libro è tutto da godere.

Nonostante sia scritto da un giovanissimo sono già evidenti alcuni metodi di scrittura che ci intrigano e ci trasportano in più dimensioni spazio temporali, che capiremo appieno solo nel seguito che spero uscirà a breve.

I temi direi quasi educativi di una ricerca di un’identità matura e non frutto di precostruzioni dei personaggi attualmente adolescenti, è una caratteristica che salta subito all’occhio.

L’atmosfera è cupa, ma non pesante, gli intrecci non sono banali ma fluidi ed il finale, preludio del prossimo libro, in cui vedremo forse più azione e meno “preparazione”, ricorda un po’ l’effetto a sorpresa alla “Lost”.

Bravo Luca, attendiamo con ansia il prosieguo!

Lauryn

webdesigner e grafica dal 2003, madre di una piccola nata nel 2012, felicemente sposata con un metal-informatico, sempre alla ricerca di belle cose. Profondamente delusa dall'Italia, cerco di crearmi un cantuccio felice, ma sogniamo Edimburgo come seconda casa ^_^

2 pensieri riguardo “Recensione: Il silenzio di Lenth di Luca Centi

  • 3 giugno 2009 in 22:52
    Permalink

    Grazie mille per la splendida recensione Laura!
    Adesso sto sistemando il secondo volume, anche se è presto per parlarne. Però sai come sono fatto, guardo sempre avanti e poco indietro =P

    Risposta

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: