Vita da migrante, la paura che impedisce di fare il salto dalla comfort zone

In questi giorni mi è capitato di dover dare un consiglio ad un conoscente che ha ricevuto una bellissima offerta di lavoro da Amazon, a Edimburgo, come sviluppatore informatico. Il suo grande dilemma parte dal fatto che nella sua attuale società multinazionale dove lavora, in Italia, ha ricevuto una promozione, di ruolo e di stipendio….

Beatrice Lugano, in Svezia per respirare letteralmente una nuova vita

Dopo un’amabile conversazione con Beatrice, brand advisor e fotografa che conosco da qualche anno, mi è venuta l’idea per questa intervista, che lei ha accettato con piacere. Beatrice viveva a Milano, in zona Stazione Centrale, con marito e figli al seguito. Una zona davvero molto inquinata, se vogliamo fare il paragone con altre zone di…

Lovin’ Edinburgh: ma ce n’era bisogno?

Per chi mi segue sa che da qualche giorno è online questo sito: http://www.lovinedinburgh.co.uk da me creato e ideato. In una pagina ho già spiegato un po’ cos’è e cosa vi si può trovare. Ma ora qui, sul mio diario online, voglio sfogare e spiegare un po’ com’è andata. Il dominio in realtà è già mio da…

Lavorare in Svizzera nel campo dell’IT

In questo articolo vi segnalo questa azienda, EveryC, che vi può aiutare a trovare lavoro in Svizzera, aiutandovi anche con permessi, giurisdizione, residenza e tutti i dubbi che potete avere riguardo questa meta vicina e molto richiesta per migliorare la propria situazione lavorativa. Hanno anche un gruppo Facebook, in cui potete iscrivervi senza impegno curiosando…

Perché non reintervisterò gli expat di Myplaceintheworld

Tempo fa mi era venuta un’idea carina: reintervistare le persone che si sono gentilmente raccontate su queste pagine per scoprire cosa hanno fatto, come va, se sono ancora convinti delle loro scelte. Al pensiero però di ricontattarli per un’intervista, poiché molti li conosco anche personalmente, mi sono detta: no, non è il caso, è il…

A tutte le Theresa May o ai Salvini del mondo farei vedere questo video

E renderei obbligatorio il test del DNA come punizione per gli xenofobi, da leggere davanti a tutti. Voi che ne pensate? Io ne sono commossa, e mi piacerebbe tanto poterlo fare per scoprire da che pezzetti di mondo arrivo anche io, che apparentemente sono una terrona napoletana 100% ahhahahha  

Guido Block, musicista, da Düsseldorf a Milano, ma perché?!?!

Vi presento Guido, che a dispetto del nome è tedeschissimo ed ho avuto modo di conoscerlo una quindicina di anni fa ad una sala prove di Milano, nella quale insegnava canto (anche a me, ebbene sì). La sua storia me la raccontò proprio in occasione delle prime lezioni di canto, e di recente l’ha riproposta…